Koscienza e Kazzeggio al Salone del Libro

IMG_6351

All’inizio era giusto una scusa, poi è diventato un viaggio. Ma ti pare che due seri e, diciamo, “maturi” laureati in Lettere non siano mai stati al Salone del Libro? Ma ti pare che due rispettabili e, ammettiamolo, esausti genitori dopo sette lunghi anni non si siano ancora concessi un giretto da fidanzati? Presto detto, mollate le pulci ai nonni (santi subito!), siamo partiti alla volta del Lingotto. E meno male che su Italo si stava larghi, perché abbiamo viaggiato tutto il tempo con due nostri amici immaginari: Koscienza e Kazzeggio. Com’è andata? Ce lo facciamo raccontare da loro, in un’impossibile intervista doppia ai confini della schizofrenia.

Com’è e che cosa offre il famigerato Salone Internazionale del Libro di Torino?

Koscienza: È un posto fantastico, dove puoi trovare l’intero panorama dell’editoria italiana, e non, in quattro immensi padiglioni del Lingotto Fiere. Cammini tra case editrici, gruppi editoriali, titoli nuovi e vecchi. Scopri che oltre ai nomi più conosciuti, esiste una miriade di pionieri del libro e che molti di questi pionieri sono davvero audaci. Poi scopri anche che tutti, ma proprio tutti, hanno una casa editrice: il Vaticano, la Guardia di Finanza, i Pompieri, l’ESA, l’Istituto Luce, i Testimoni di Geova, Slow Food, varie rappresentanze di filosofie e religioni orientali, e perfino il Vittoriale. E così ti fai anche un’idea di quello che si dice in giro. Mi aspettavo forse qualcosa di più concettuale e invece ho goduto di una vera atmosfera da fiera.

Kazzeggio: È una sorta di orgia del libro. Buttate la mappa, accartocciate il programma, non scaricate la app. Andate a naso. Sfogliate, tocchicchiate, se vi va, spaginate, cambiate idea tutte le volte che volete, leggete brani a caso, prendete appunti e rubate quante più parole potete. È permesso! Se vi fingete interessati alla qualunque, vi accaparrate anche un mucchio di gadget e bag: “Volete diventare ambasciatore di Rama?” “Certamente” – per voi un segnalibro al profumo di incenso; “Siete interessati a un manuale a fumetti sulle tecniche di primo soccorso?” “Naturalmente” – e vi beccate la maglietta della Protezione Civile. Il giorno dopo butterete tutto, ma volete mettere la soddisfazione!

Vale la pena acquistare? Ci sono sconti?

Koscienza: Gli sconti ci sono, ma sono estremamente ridotti, soprattutto se conteggiate anche il biglietto di ingresso. L’ideale sarebbe andare lì a crearsi una lista dei titoli interessanti, da comprare nel corso del tempo, in libreria o online, e limitare l’acquisto vero e proprio ai volumi più rari o difficili da trovare altrove. In ogni caso, mi sono data un budget, e forse l’ho anche un po’ ritoccato via via verso l’alto, ma ho sempre sempre cercato di non sforare troppo la cifra prefissata. Difficile resistere, ma di necessità virtù!

Kazzeggio: Ma che budget d’Egitto (a Torino non si può non usare questa espressione almeno una volta)! Comprate fino alla nausea, che poi, quando tornerete e cercherete di entrare in libreria, sicuramente a qualcuno scapperà la pipì, qualcun altro avrà sete, fame, sonno o, in ogni caso, esprimerà una qualche esigenza impellente che vi impedirà anche solo di pensare di varcare la porta scorrevole che tv separa dal primo scaffale, quello dei best seller. Anzi, alcuni stand propongono simpatiche buste da riempire a calo e pagare a peso o a numero di volumi. Approfittatene! E se poi vi riempirete di baggianate che non leggerete mai, potrete sempre riciclarle per i regali delle feste comandate.

Gli stand o le iniziative che vi hanno colpito di più?

Koscienza: Sicuramente Taschen/Logos per i contenuti di visual art, Minimum Fax per lo spessore della narrativa proposta, MarcosYMarcos per la scelta degli autori, Contrasto per la bellezza dei volumi sulla fotografia, Bao per le graphic novel. Ho anche ascoltato Marco Peano parlare del suo ultimo e primo libro “L’invenzione della madre” ed è stato forte e intenso come è il romanzo.

Kazzeggio: I banchini degli hot dog, tanti e succulenti; gli assaggi di cioccolato e pasticceria a tema letterario (ottimo alibi per fregarsene della curva glicemica); lo studio live del Ruggito del Coniglio con Dose e Presta che punzecchiavano il pubblico e con un boato di risate che si sentiva già dalla hall. Era sfizioso anche perdersi tra gli stand e poi mandarsi whatsappate tardo adolescenziali per fissare nuovi appuntamenti. E naturalmente i selfie. Il mio preferito? Quello con il character di Snoopy… dai 41 indietro agli 11 in un “cheese!”.

Com’è Torino nei giorni del Salone? Cos’altro avete fatto?

Koscienza: Torino è bella, sofisticata e accogliente come sempre. In quel week end era costellata di iniziative per il Salone Off e piena di luoghi meravigliosi da visitare. Unico neo il fatto che, nonostante il Salone, i musei rispettassero la chiusura settimanale del lunedì… In fondo, in casi di eventi straordinari, si potrebbero anche prevedere aperture straordinari!.

Kazzeggio: Ma che Salone Off! Dopo un po’ basta con ‘sti libri. Aperitivi, piuttosto, e ramen da Luca e gelati gianduia, nocciola, panna e gianduiotto a guarnire, e Mad Max Fury Road con lattina di birra in pugno all’ultimo spettacolo. E se poi la mattina dopo, per la seconda volta, quel maledetto Balon non ci ha fatto salire… ‘fanculo, abbiamo bevuto qualcosa nella corte dietro la Scuola Holden e spiato, un po’ brilli,  nel cortile dell’Emerita attraverso i buchi della rete.

L’ultimissimo pensiero sul il Salone del Libro?

Koscienza: Ci torneremo, magari tra qualche anno, quando i titoli si saranno un po’ rinnovati.

Kazzeggio: Primo ad andare al bagno! Mi spiace con questa pila di libri, ne avrò per un po’…

Annunci

3 Comments

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...