16 buoni propositi per il 2015

IMG_5604

I buoni propositi sono come un bel mazzo di fiori: durano poco, ma fanno piacere. Quindi, tanto per cominciare bene il 2015, ecco i miei 15 buoni propositi + 1 (e vi è andata bene che non è ancora il 2099):

1) crescere: e far crescere. Vivere una famiglia è come moltiplicare la propria esistenza per il numero dei componenti. Nel mio caso 4 vite in una. Un po’ faticoso, ma, a conti fatti, conviene.

2) ascoltare: le parole con le orecchie, le sensazioni con la pancia, per capire, esplorare, escludere, selezionare e raccogliere indizi. Magari scoprirò che il senso della vita è un tantinino più di 42.

3) prestare attenzione: molto diverso da ascoltare. Ad es., prestando attenzione alla frase “mamma, facciamo che tu eri quella cattiva che andava sempre al lavoro” (I., 3 anni), si possono individuare almeno due messaggi plausibili, che non sto qui a sviscerare…

4) aiutare: a volte coincide con prestare attenzione, anzi molto spesso. “Non voglio che mi dici cosa devo fare, voglio che mi aiuti” (N., 6 anni, 1′ elementare!).

5) leggere: tutto e di tutto. Perché le storie sono come le ciliegie, una tira l’altra!

6) guardare: e guardarsi intorno. Film, danza, sport, spettacoli vari e veri, allegri o tristi, un giardino, un panorama, cosa fanno gli amici, come si comportano gli altri. Raccogliere altri indizi.

7) informarsi: un po’ più dinamico di leggere, passare da una fonte all’altra, perdersi nella catena delle cause e degli effetti, finire in vicoli ciechi e tornare indietro, entusiasmarsi se si trova qualcosa di nuovo. Non smettere di raccogliere indizi.

8) muoversi: nel senso di fare movimento, ma anche di darsi una mossa, di alzare le chiappe dalla sedia e mettersi a correre, anche solo per il gusto di farlo.

9) mangiare bene (e poco): lo dico anche a te, marito panificatore compulsivo! Se fai un’altra schiacciata profumata, calda, croccante, unta e salatina alle 11:00 di mattina, sarai sottoposto a un rigidissimo embargo (inteso come blocco di qualsivoglia scambio). Raccoglilo tu questo indizio!

10) mantenersi in forma: dai dai dai, che cominciano ad intravedersi timidi barlumi (indizi?) di quegli addominali di cui si era persa ogni traccia dal lontano 2008.

11) conoscere: nuove persone e posti, riconoscere persone, riscoprire posti conosciuti, studiare, imparare, domandare, imparare a farsi domande, insegnare a fare domande. Ancora indizi.

12) incuriosirsi: perché non è vero che la quotidianità appiattisce o, se lo è, sono io che sto sbagliando qualcosa. L’indizio definitivo.

13) viaggiare: subito, dal primo di gennaio, spostarsi, organizzare, sperimentare, smuovere le gambe e il cervello.

14) dare inizio: ogni giorno, 365 incipit in un anno. E se una mattina non saprò rispondere alla domanda “Cosa sta per cominciare di nuovo oggi?” passare subito alla domanda successiva “Perché non so rispondere?”

15) scrivere: la conseguenza naturale dei propositi precedenti e il luogo immaginato nel quale tutti gli indizi raccolti vanno a ricomporsi in un unico mosaico.

16) continuare: a fare buoni propositi

Buon 2015! Cominciatelo bene, l’inizio è tutto.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...