Messaggio in bottiglia

SONY DSC

Non c’è inizio più inizio di questo. Abbiamo accolto tra i sorrisi il tuo entusiasmo mattutino, ti abbiamo accompagnato al cancello, abbiamo ascoltato il chiacchiericcio sulla merenda, abbiamo aspettato che la tua testa bionda sparisse tra le altre nell’androne. Lo abbiamo fatto in silenzio, un silenzio attento e rispettoso, perché questa è la tua esperienza e perché come ci diciamo spesso, un po’ per gioco un po’ seri, “fare, oltre a parlare”. Perché se mai avremo qualcosa da insegnarti sulla scuola dovremo farlo giorno dopo giorno, situazione dopo situazione, errore dopo errore.

Eppure, Niccolò, sono giorni che mi rimbalzano in testa ricordi, immagini, riflessioni, e spingono così forte per uscire che a volte mi inumidiscono gli occhi. Così, ho deciso di affidare questi miei pensieri ai pixel, di chiuderli in un’ideale bottiglia digitale e di consegnarli ai flutti della rete, in modo che se un giorno tu, approdato a non so quale successo, vorrai guardarti indietro, li vedrai galleggiare tra le onde e potrai decidere di ripescarli.

Ecco, se lo farai, leggerai questo:

Divertiti. Goditi ogni minuto tra le due campanelle, sorridi dei tuoi sbagli, riprova con slancio e cattura ogni momento di soddisfazione. Non lasciarti scoraggiare, intimidire, annoiare. Concentrati su ciò che ami e tira dritto. Imparare è un piacere che può restare tale per tutta la vita, una via di salvezza, un modo per ricominciare e diventare migliori.

Mira al sodo. Ciò che conta è che tu diventi grande, che sia consapevole, ben informato e capace di scegliere. E questo conta sicuramente di più di un buon voto, di una pagina ordinata, di un complimento o di una pagella inappuntabile. Nessuno ti chiede di essere perfetto, ma, ti prego, cerca di essere felice.

Cura gli amici. Vai oltre al come si scrive e al quanto fa. Impara a stare con gli altri e a confrontarti. Hai la fortuna di frequentare una scuola in cui la condivisione, il rispetto dei compagni e della comunità fanno parte del programma. Non sarà sempre così, fuori è tutto meno semplice e giusto. Approfittane, fai il pieno di civiltà e di affetti. Lascia che ti sedimentino dentro, cresci sano e onesto.

Stai tranquillo. Prenditi tuoi spazi, fai con calma e non avere paura. Se mai ti troverai in mezzo a una tempesta, qualunque essa sia, saremo tutti con te. Io con i miei modi bislacchi, baba con la sua assoluta e profonda dedizione, tua sorella che ti adora e i nonni sempre attenti alle piccole cose. Sei al sicuro, lasciati andare.

Sii libero. Ascolta, sii attento, prova e riprova, approfondisci, cerca di capire ogni cosa fino in fondo. E poi, decidi con la tua testa. Cosa è giusto per te, le persone che vuoi amare, i tuoi traguardi, i tuoi svaghi, la tua casa. Non ti chiedere cosa gli altri si aspettano da te, ma rifletti sempre su cosa tu puoi pensare di te stesso. Buon viaggio, Niccolò, trova la tua strada.

Ti immagino gigante barbuto leggere queste righe e ti bacio come se tu fossi ancora un batuffolo. La mamma.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...